Il problema non è il problema ecco il perchè

Con la mia comprensione dei Tre Principi, che si approfondisce di mese in mese, sto diventando sempre più curioso di sapere se il “problema” che pensiamo di avere sia davvero un problema. Non per un secondo respingo l’esperienza di una persona;

Tuttavia, so che quando ci perdiamo nel nostro modo di pensare, possiamo creare problemi che non sono problemi. Se un problema fosse effettivamente un problema, reagiremmo tutti allo stesso “problema” allo stesso modo. Tuttavia, è la nostra percezione della nostra realtà esterna, il nostro pensiero su ciò che percepiamo essere il problema. Poiché non tutti reagiamo al “problema” allo stesso modo, il problema non è il problema. Vorrei spiegarlo ulteriormente, per aiutarti a capire che è così.

Ho lavorato con molte persone nel tempo, ricordo che l’intestazione “Presentare il problema” è una parte importante degli strumenti di valutazione che fanno parte del processo di ammissione attraverso la gamma di servizi di salute mentale e dipendenza.

I tipici problemi di presentazione includono:

  • Depressione
  • Ansia
  • Isolazione sociale
  • Pressioni di lavoro
  • Difficoltà relazionali
  • Assalto
  • Consumo progressivo di alcol o droghe e possibilmente utilizzo di sostanze attraverso percorsi a rischio più elevato
  • Senzatetto
  • Una serie di problemi di salute fisica correlati: TVP, Cancro, Diabete, Asma

Vorrei solo evidenziare brevemente alcuni dei problemi di presentazione che ho menzionato e mostrarti che, attraverso le conversazioni che ho avuto con i clienti (rispettando la riservatezza ovviamente), come possiamo imparare rapidamente che la presentazione iniziale non è il problema. Non solo, quando l’individuo l’ha capito da solo, ha cambiato la sua vita.

Problema n. 1

“Mario” aveva una diagnosi di depressione e ora stava iniziando a evitare situazioni sociali poiché non si sentiva abbastanza sicuro nei gruppi. Attraverso una conversazione ho appreso che stava solo trattenendo un lavoro a tempo pieno e stava vivendo una mancanza di fiducia in esso – il loro capo stava dicendo loro che avevano bisogno di migliorare le loro prestazioni e stava fornendo sistemi di supporto sul posto di lavoro per farlo.

Abbiamo imparato insieme che gli era stato detto più di una volta che “non era abbastanza bravo” dal suo patrigno e ha portato quel’ opinione con sé per quasi 30 anni. In genere è stato in grado di andare avanti con la sua vita e si sentiva sicuro per la maggior parte del tempo.

Ma alla fine si rese conto, tuttavia, che il feedback del suo capo gli aveva ricordato quello che gli era stato detto dal suo patrigno molti anni fa. Mario ha capito che i suoi sentimenti erano il risultato del suo pensiero in quel momento, che aveva portato nel tempo un’opinione di qualcuno (che non si basa sui fatti) ed era diventato parte del suo sistema di credenze. Aveva trascorso gran parte della sua vita in cerca di conferma per convalidare una dichiarazione fatta da una persona.

Questo è il motivo per cui i commenti del suo capo (che avrebbe altrimenti descritto come molto favorevole) sembravano rafforzare la dichiarazione del suo patrigno. Ha acquisito una profonda comprensione del fatto che le sue esperienze provenivano in realtà da se stesso – il suo pensiero.

Mi chiedo se questo è qualcosa a cui puoi relazionarti a qualsiasi livello?

Problema n. 2

Laura è stata presentata come suicida e recentemente ha avuto un aborto con quello che sarebbe stato il suo secondo figlio. Attraverso una conversazione, Laura ha spiegato che era rimasta incinta dopo un attacco sessuale. Aveva deciso di tenere il bambino, contro i desideri di tutti i membri della sua famiglia, incluso suo marito. Mentre cercavano di essere di supporto, sentiva che non l’avevano mai veramente capita e perché avesse voluto mantenere il bambino.

Laura si rese conto che aveva voluto mantenere il bambino come un modo per evitare “lutto” in seguito all’assalto sessuale. Voleva disperatamente avere il bambino come un modo per ricavare qualcosa di buono dal male che le era successo. Non aveva avuto l’opportunità di parlare con qualcuno che la ascoltasse in modo imparziale.Sentiva che l’aborto la stava costringendo a soffrire ed era spaventata dai sentimenti legati al lutto.

Laura ottenne una nuova prospettiva e si rese conto che i suoi sentimenti (tutti provenienti dal suo pensiero associato alla sua situazione) erano naturali e dovevano essere così. Si rese conto di aver paura dei sentimenti che in realtà aumentava la sua ansia.

Se ti piacciono i nostri articoli iscriviti e seguici




  • 10 regole sulla motivazione

10 regole sulla motivazione

Febbraio 18th, 2020|0 Commenti

Spesso, molti di noi si ritrovano in crisi motivazionali dalle quali bisogna scappare. A volte assomiglia a un ciclo continuo in cui siamo motivati ​​per un po ', cadiamo e dopo abbiamo bisogno di ricostruire

  • Risparmio e investimento

RISPARMIO E INVESTIMENTI

Ottobre 30th, 2019|0 Commenti

Sento tutti i giorni le persone parlare di risparmio e investimenti, ma la verità dei fatti è che le persone non sanno realmente di cosa si tratti. Sono diversi mesi che sto lavorando a