La scelta cruciale che ogni coppia in lotta deve fare

La nostra pace è fragile come il nostro orgoglio è impenetrabile.

Quando i clienti entrano in psicoterapia, coltiviamo lo spazio terapeutico in cui possono affrontare i loro problemi in un modo utile e, che induce la crescita. All’interno del crogiolo terapeutico, le nostre esperienze passate si mescolano a predisposizioni, speranze, paure ed esitazioni temperamentali, che si intrecciano, si evolvono e influenzano sempre i nostri pensieri, emozioni e comportamenti.

L’ansia relazionale ha il potere di favorire la crescita. La terapia esperienziale, nella migliore delle ipotesi, ha il potenziale per agire come solvente e la problematica l’ansia come soluto dissolvibile. Nel processo di sintonizzazione, evocazione e ritrattamento, la tossicità del soluto viene disarmata con la risultante soluzione biochimica figurativa che agisce per ravvivare i processi di crescita insiti nella relazione stessa. C’è sicuramente un’arte nella scienza; un campo fiorente di neuroscienze rivela che c’è sicuramente anche scienza nell’arte.

Allo stesso tempo, al lavoro, sono preconcetti ipnotici, che si autoavverano e perseverano abitudini interpersonali che hanno il potere di paralizzare le nostre capacità di riflessione relazionale e reattività emotiva. Non è facile ascoltare umilmente e negoziare in modo vulnerabile attraverso il tremore di un’emozione pura. Ciononostante, quando si sperimenta l’empatia, è più probabile che si sperimenti insieme, anche in conflitto. La dott.ssa Sue Johnson (2008), uno dei maggiori esperti di terapia di coppia, ha scritto delle coppie combattenti: “Entrambi sono terrorizzati; lo stanno affrontando in modo diverso. Il guaio è che, una volta iniziato questo ciclo di distanza-colpa, conferma tutte le loro paure e aumenta il loro senso di isolamento “(p. 47).

Oliver e Sophia hanno riportato una “stessa” settimana e che “niente” era migliorato. Alla domanda su come sarebbe fare un passo l’uno verso l’altro – il loro obiettivo comune – si strinsero entrambi nelle incertezze. Nessuno dei due aveva alcuna preferenza per il modo in cui abbiamo trascorso la sessione del giorno, nessuna lamentela e nessun feedback. Oliver appariva di nuovo molto assonnato, bevendo una bevanda energetica – di solito portava o una bevanda energetica o caffè alle sedute e in genere annuiva.

Ad un certo punto, ho chiesto a Oliver se avesse alcun desiderio di lottare per il suo matrimonio. Ha risposto che aveva “provato una volta” a farlo e niente ha funzionato. Quando è stato premuto, ha lottato per produrre qualsiasi prova narrativa della sua “lotta”, tranne per un dono speciale che le aveva dato un numero di anni fa che presumibilmente ha ricevuto con insufficiente apprezzamento. Ha chiarito che non avrebbe apportato alcun cambiamento nel suo comportamento mentre allo stesso tempo ha riferito di voler riparare il matrimonio. Credeva che Sophia fosse responsabile di “superarlo”, eppure nutriva risentimenti per le sue infedeltà mentre scusava la propria.

Oliver ha rifiutato di fare qualsiasi scelta reale e attiva nei confronti di sua moglie. Ha espresso la propria paralisi nella relazione, incerta su come, seppur volenteroso, riguadagnare fiducia. Aspettava che iniziasse il salto. Oliver rimase in silenzio e cominciò ad annuire vicino alla fine della sessione, a quel punto mi sono chinato e gli ho detto: “Potresti voler bere qualche sorso del tuo drink”.

Ho posto domande incentrate sulla soluzione e costruite l’intimità per suscitare opportunità per Oliver e Sophia di iniziare a fare passi l’uno verso l’altro, ma entrambi sembravano congelati. Sessione dopo sessione, ho osservato dolore emotivo; ha tentato di istruire Oliver a riconoscere Sophia o la propria; ha spinto entrambi verso qualsiasi parvenza di vulnerabilità; ha tentato di unirsi a Oliver, il membro più resistente; poi incoraggiava Sophia nonostante Oliver. Ancora e ancora, ho visto Sophia guardare Oliver, dicendo: “Niente?”

Le provocazioni e i fallimenti percepiti di coloro che amiamo hanno il potere di sopraffarci e paralizzare l’intimità. Il terapeuta delle coppie Terry Real (2011) ha ammonito: “Troppo spesso passiamo dal disempowerment personale all’empowerment personale. Dobbiamo imparare a coltivare l’empowerment relazionale”.

Alla fine della decima sessione, non ho visto alcun passo l’uno verso l’altro. Mi chiedevo se o fosse disposto a fare una scelta verso il matrimonio o se questo fosse uno sforzo vuoto. Ho sfidato che la velocità della relazione andava avanti indipendentemente dal fatto che prendessero o meno decisioni attive. La sessione si è conclusa quasi in silenzio, come nelle sessioni precedenti, con Sophia che mi ha ringraziato calorosamente con il contatto visivo e una stretta di mano e Oliver assonnato sorseggiando il suo drink e camminando verso la porta, a malapena afferrando la mia offerta di una stretta di mano, come ho confermato, “ Ci vediamo la prossima settimana?” Parlarono all’unisono: “Ci vediamo la prossima settimana”.

La coppia sembrava ambivalente sull’opportunità di compiere passi attivi l’uno verso l’altro. Entrambi sembravano riluttanti a impegnarsi insieme in interventi volti a coltivare reciprocità, convalida o connessione nella loro relazione.

La nostra pace è fragile come il nostro orgoglio è impenetrabile. Essere emotivamente reattivi riguarda la nostra capacità di comprendere e rispondere in modo significativo ai bisogni individualizzati (leggi: eccentrici) del nostro partner in particolari momenti di bisogno. Il dott. Ted Huston (2001) presso l’Università del Texas ha studiato i predittori di divorzio e ha concluso che quando i matrimoni falliscono, non è il conflitto che aumenta la causa. Diminuisce l’affetto e diminuisce la reattività emotiva.

Alla nostra sedicesima sessione, Oliver e Sophia avevano mantenuto la loro ambivalenza e, negli ultimi minuti della sessione, Oliver ha rivelato di aver partecipato a sessioni di terapia per placare Sophia per il bene della figlia, ma non aveva alcun desiderio, speranza o intenzione verso il matrimonio. In seguito solo Sophia è tornata nel mio ufficio.

Se ti piacciono i nostri articoli iscriviti e seguici




  • 10 regole sulla motivazione

10 regole sulla motivazione

Febbraio 18th, 2020|0 Commenti

Spesso, molti di noi si ritrovano in crisi motivazionali dalle quali bisogna scappare. A volte assomiglia a un ciclo continuo in cui siamo motivati ​​per un po ', cadiamo e dopo abbiamo bisogno di ricostruire

  • Risparmio e investimento

RISPARMIO E INVESTIMENTI

Ottobre 30th, 2019|0 Commenti

Sento tutti i giorni le persone parlare di risparmio e investimenti, ma la verità dei fatti è che le persone non sanno realmente di cosa si tratti. Sono diversi mesi che sto lavorando a